ajhdfefefefàòedf
dfcfmdvmdmvldfvbm
ALEYAFILM  tv film production
a presto, amore mio
le DONNE e la GRANDE GUERRA nelle DOLOMITI in un docufilm di Franco Vecchiato
il film e il regista
Le Dolomiti, il loro fascino elegante, le loro bellezze naturali sono un continuo richiamo per chi cerca la montagna. La   storia   qui   ha   lasciato   un   segno   profondo,   la   Grande   Guerra.   E   tuttavia   la   potente energia   delle   Dolomiti   l’ha   resa   una   straordinaria   occasione   di   incontro,   non   importa   se soldati o viaggiatori. Nei   paesi   ladini   delle   Dolomiti,   ormai   svuotati   degli   uomini   inviati   al   fronte   della   Galizia, rimasero   solo   bambini,   anziani   e   donne   che   divennero   d’improvviso   le   protagoniste della vita di tutti giorni, dei lavori più pesanti, delle decisioni private e collettive. Le   Donne   delle   Dolomiti   hanno   saputo   custodire,   e   portare   oltre   il   conflitto,   i   valori   di solidarietà,   unità,   fratellanza   tipici   della   tradizione   locale.   La   loro   opera   instancabile, determinata dalla fiducia assoluta, è il tema del docufim   a presto, amore mio . Martina,   la   giovane   protagonista,   ripercorre   la   storia   della   sua   famiglia.   Liberandola   dal vecchio   dolore   del   conflitto,   scopre   la   straordinaria   ricchezza   di   valori   che   risiedono   nel cuore di chi l'ha preceduta.
a   presto,   amore   mio    è   un   film   documento   con   cui   desidero   onorare   il   sacrificio   di   uomini   e donne   che   hanno   permesso   a   tutti   noi   di   avere   quanto   oggi   possiamo   disporre,   a   partire dalla   stessa   vita.   Il   mio   riconoscimento   va   soprattutto   a   loro,   alle   Donne,   che   nel   corso   del tempo hanno saputo custodirla e rinnovarla con forza e tenacia. Franco Vecchiato  sceneggiatore - regista  - produttore
principali locations
il fronte Dolomitico
-  le Valli Ladine: Ampezzo, Badia,  Fassa, Fodom, Gardena -  ambienti tipici e storici che conservano la tradizione di un tempo     proiettata nel futuro -  trincee, fortificazioni, campi di battaglia, musei storici   -  le montagne Dolomitiche, un tempo contese dalla Guerra oggi     riconosciute dall'UNESCO patrimonio dell'intera umanità
synopsis
Ci   sono   storie   portate   dal   vento   e   dall’acqua,      ci   sono   storie   che   attendono   di   essere   svelate a chi è pronto a riceverle...   Pio,   il   calzolaio   di   Colle   Santa   Lucia,   conosce   le   persone   e   le   strade   che   hanno   percorso   da come   camminano.   E’   lui   a   raccontarci   la   storia   di   Martina   cominciata   un   giorno   lontano,   ma ancora così vicino. Umberto   chiede   a   Martina   di   posare   come   modella   per   farne   una   scultura.   Lo   scalpello d'improvviso   si   blocca:   un   proiettile   arrugginito   è   conficcato   nel   cuore   della   sua   figura femminile. Quel   proiettile,   da   cento   anni   conficcato   nel   legno,   riporta   Martina   ad   un   altro   tempo   della storia   delle   Dolomiti,   la   Grande   Guerra.   Quella   guerra   ha   lasciato   segni   che   il   tempo   ha   in parte eroso altri che sono ancora nel cuore della gente. Nel   1914,   agli   inizi   del   conflitto,   le   donne   ladine   devono   sostituirsi   agli   uomini   chiamati   alle armi   ed   ormai   distanti.   Si   prodigano   per   la   protezione   della   famiglia,   dei   figli   e   degli   anziani, dei boschi e dei prati. Martina    incontra    più    e    più    storie    di    donne,    protagoniste    sconosciute    dell'ordinaria quotidianità   del   tempo   della   guerra.   Attraverso   la   loro   serenità   scopre   che   la   guerra   nelle Dolomiti è stata una singolare occasione di incontro tra persone e non nemici. Ora, quell’antica ferita che Martina porta nel cuore non ha più senso di esistere.
i nostri partners
Comune di COLLE SANTA LUCIA
miniserie TV in 3 puntate
slide show
promo
trailer RAI
© ALEYAFILM srls tv film production via Monte Grappa 168  -  32100 Belluno  BL  -  p.iva IT01220440257 
info@aleyafilm.com
T. +39 338 7859740
ajhdfefefefàòedf
a    presto,    amore    mio     è    un    film    documento    con    cui desidero   onorare   il   sacrificio   di   uomini   e   donne   che   hanno permesso    a    tutti    noi    di    avere    quanto    oggi    possiamo disporre,   a   partire   dalla   stessa   vita.   Il   mio   riconoscimento va   soprattutto   a   loro,   alle   Donne,   che   nel   corso   del   tempo hanno saputo custodirla e rinnovarla con forza e tenacia. Franco Vecchiato  sceneggiatore - regista  - produttore
i nostri partners
Comune di COLLE SANTA LUCIA
ALEYAFILM  tv film production
© ALEYAFILM srls tv film production via Monte Grappa 168  -  32100 Belluno  BL p.iva IT01220440257 T. +39 338 7859740
info@aleyafilm.com 
a presto, amore mio
le DONNE e la GRANDE GUERRA nelle DOLOMITI in un docufilm di Franco Vecchiato
miniserie TV in 3 puntate
il film e il regista
Le    Dolomiti,    il    loro    fascino    elegante,    le    loro    bellezze naturali    sono    un    continuo    richiamo    per    chi    cerca    la montagna. La   storia   qui   ha   lasciato   un   segno   profondo,   la   Grande Guerra.   E   tuttavia   la   potente   energia   delle   Dolomiti   l’ha resa     una     straordinaria     occasione     di     incontro,     non importa se soldati o viaggiatori. Nei    paesi    ladini    delle    Dolomiti,    ormai    svuotati    degli uomini    inviati    al    fronte    della    Galizia,    rimasero    solo bambini,   anziani   e   donne   che   divennero   d’improvviso   le protagoniste    della    vita    di    tutti    giorni,    dei    lavori    più pesanti, delle decisioni private e collettive. Le    Donne    delle    Dolomiti    hanno    saputo    custodire,    e portare    oltre    il    conflitto,    i    valori    di    solidarietà,    unità, fratellanza    tipici    della    tradizione    locale.    La    loro    opera instancabile,   determinata   dalla   fiducia   assoluta,   è   il   tema del docufim   a presto, amore mio . Martina,    la    giovane    protagonista,    ripercorre    la    storia della    sua    famiglia.    Liberandola    dal    vecchio    dolore    del conflitto,   scopre   la   straordinaria   ricchezza   di   valori   che risiedono nel cuore di chi l'ha preceduta.
principali locations
Le Valli Ladine: Ampezzo, Badia,  Fassa, Fodom, Gardena. Ambienti    tipici    e    storici    della    tradizione    di    un    tempo proiettata nel futuro. Trincee, fortificazioni, campi di battaglia, musei storici.   Le   montagne   Dolomitiche,   un   tempo   contese   dalla   Guerra oggi      riconosciute      dall'UNESCO      patrimonio      dell'intera umanità.
synopsis
Ci   sono   storie   portate   dal   vento   e   dall’acqua,      ci   sono   storie che attendono di essere svelate a chi è pronto a riceverle...   Pio,   il   calzolaio   di   Colle   Santa   Lucia,   conosce   le   persone   e   le strade   che   hanno   percorso   da   come   camminano.   E’   lui   a raccontarci    la    storia    di    Martina    cominciata    un    giorno lontano, ma ancora così vicino. Umberto   chiede   a   Martina   di   posare   come   modella   per farne   una   scultura.   Lo   scalpello   d'improvviso   si   blocca:   un proiettile   arrugginito   è   conficcato   nel   cuore   della   sua   figura femminile.
Martina   incontra   più   e   più   storie   di   donne,   protagoniste sconosciute    dell'ordinaria    quotidianità    del    tempo    della guerra.   Attraverso   la   loro   serenità   scopre   che   la   guerra   nelle Dolomiti    è    stata    una    singolare    occasione    di    incontro    tra persone e non nemici. Ora,   quell’antica   ferita   che   Martina   porta   nel   cuore   non   ha più senso di esistere.
Quel   proiettile,   da   cento   anni   conficcato   nel   legno,   riporta Martina   ad   un   altro   tempo   della   storia   delle   Dolomiti,   la Grande   Guerra.   Quella   guerra   ha   lasciato   segni   che   il   tempo ha    in    parte    eroso    altri    che    sono    ancora    nel    cuore    della gente. Nel    1914,    agli    inizi    del    conflitto,    le    donne    ladine    devono sostituirsi   agli   uomini   chiamati   alle   armi   ed   ormai   distanti.   Si prodigano   per   la   protezione   della   famiglia,   dei   figli   e   degli anziani, dei boschi e dei prati.